Prestito Auto

Prestito Auto
Il prestito auto è un finanziamento finalizzato all’acquisto di auto nuove o usate, con diversi criteri per i due casi e presentato già, in genere, presso la stessa concessionaria di compravendita.

Il prestito auto è un finanziamento finalizzato all’acquisto di veicoli a motore nuovi o usati, per cui chi si presenta alla banca o presso un’agenzia finanziaria a richiederlo dovrà motivare l’uso che intende fare della somma desiderata.

In genere, questo tipo di prestito viene già presentato nelle concessionarie, dove si intende comprare la vettura. In molti casi, l’offerta del prestito viene esibita al cliente anche senza che questi glielo richieda.

Ciò è possibile, grazie ad accordi tra la stessa concessionaria e le banche e finanziarie, o anche tra queste e le cause automobilistiche, al fine di incentivare gli acquisti di auto, da un lato, i finanziamenti, dall’altro.

I criteri di finanziamento si differenziano sulla base delle caratteristiche dell’auto, in particolare se si tratta di un’auto nuova o usata.
Nel caso di un veicolo a km zero, il finanziamento copre l’intero prezzo di acquisto, almeno fino a circa 30 mila euro, mentre per cifre superiori, la copertura avviene in percentuale. Inoltre, si agevola l’acquirente-debitore, con tempi di rimborso di anche cinque anni, abbassando così l’importo unitario mensile delle rate.

Le cose cambiano per un’auto usata. Anzitutto, il finanziamento non viene concesso a veicoli dalla data di immatricolazione anteriore a dieci anni, in genere. Inoltre, il finanziamento non sarà mai a copertura integrale del prezzo di vendita, prevedendo che anche l’acquirente partecipi in parte con liquidità propria. E al crescere dell’anzianità di immatricolazione dell’auto, la percentuale finanziabile diminuisce.

Infine, anche la durata del rimborso è meno agevole, con la previsione del rientro in un periodo più breve di tempo, un paio di anni, in media.
Per accedere a un prestito auto, è richiesta l’ultima busta paga (modello unico per lavoratori autonomi e liberi professionisti, cedolino pensione per i pensionati), nonché copia di documento d’identità e del codice fiscale. In genere, è lo stesso concessionario che si occupa di sbrigare queste formalità burocratiche.